La gente del Värmland

Non si può negare che a quell’epoca, da noi nel Värmland, i boschi erano vasti e i campi piccoli, i cortili grandi ma le cascine anguste, le strade strette ma le salite ripide, le porte basse ma le soglie alte, le chiese modeste ma le funzioni lunghe, i giorni della vita contati ma le preoccupazioni infinite. Non per questo comunque la gente del Värmland passava il tempo a lagnarsi e a intristirsi.
È vero che il gelo distruggeva i raccolti, e le fiere facevano razzia fra il bestiame come la dissenteria fra i bambini, ma la gente cercava per quanto possibile di conservare il buon umore. Altrimenti che vita sarebbe stata?

[Selma LAGERLÖF, L’anello rubato, Iperborea 2012]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...