Le pannocchie

Ci avevano un vizietto quelle monache di clausura che tutte le notti dovevano per forza uscire dal convento. Clausura col cazzo! Che se infatti t’appostavi dietro le siepi le potevi vedere che dopo la mezzanotte si lanciavano in volo dalle finestre più alte del convento e planavano anche per chilometri con l’aiuto delle correnti calde e della mantella nera spiegata come una vela. Ma dove andavano queste qua?! A rubare le pannocchie nei campi, si diceva, anche se quella era una cosa indiscutibilmente contro il regolamento di clausura. 

Una notte afosa di agosto, un contadino, vedendone una che sorvolava da svariati minuti il suo campo di mais ha sparato in aria con la doppietta prendendola in pieno petto. Poi all’alba, erano in tre-quattro, sono andati a cercarla con i cani; e quando l’hanno trovata si son messi in cerchio attorno al cadavere della monaca a discutere di beatificazione. Anche se non si è capito di chi la volevano fare.

Francesco Marsibilio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...