Le materie letterarie

La materia che a scuola viene chiamata “letteratura”, infatti, è un qualcosa che non ha a che fare con nulla. La sua caratteristica principale è quella di essere un lungo “riassunto delle puntate precedenti”: si parla per moltissimo tempo di ciò che si pensa sia esistito, in campo letterario, in epoche precedenti, ma a differenza dei riassunti degli sceneggiati televisivi o radiofonici non si arriva mai alla puntata del giorno, perché se vi si arrivasse bisognerebbe dire qualcosa, e invece non si ha nulla da dire. Il racconto di queste puntate è spesso concitato, affannoso, simile a una corsa: si passano in rassegna in modo convulso Dante, Pratolini, Bembo e Svevo, ma non dicendo mai nulla che li riguardi e non leggendo mai un libro scritto da loro. I verbi che si usano più di frequente per parlare degli argomenti che si stanno trattando sono “arrivare” e “finire”: “dove siete arrivati?” “siamo arrivati al Foscolo; “abbiamo finito Leopardi”.

[Maurizio Salabelle, L’istruzione scolastica, in “Il Semplice – Anno 1996 N. 2”]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...