Calabrone

Il calabrone, per la stazza cospicua, viene paragonato da alcuni studiosi al canadair, mentre nell’immaginario popolare viene più spesso associato, per forma e movimento, all’elicottero. In realtà non si può negare che il calabrone voli per mezzo di organi molto più simili a delle ali che non a delle eliche, perciò gli studiosi hanno ragione e l’immaginario popolare ha torto.
Le uova del calabrone sono particolarmente succulente e ricche di proteine; questa particolarità ha spinto parecchi ricercatori universitari a ipotizzzare che, a causa della crescente scarsità di risorse alimentari, entro la fine del secolo la popolazione europea si ciberà più che altro di uova di calabrone o di suoi derivati. Anche il calabrone adulto, una volta impanato e fritto, non è affatto da disprezzare, ma ha una resa calorica assai minore.
In base alle suddette considerazioni è assolutamente indispensabile rispettare e proteggere fin da ora il calabrone e il suo ecosistema, e magari cominciare a incrociare le razze più interessanti dal punto di vista della produzione ovaiola.

Gianfranco Mammi

[La foto è di: GIOVANNI ZAFFAGNINI, Motocoltivatore a petrolio, Masiera di Bagnacavllo 2006]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...