La prosa del futuro

Non bisogna conoscere troppo bene il proprio soggetto. A questo criterio si sono finora attenuti tutti gli scrittori, del passato e del presente, ma la prosa del futuro esige altro. A prendere la parola, al posto degli scrittori, saranno esponenti delle varie professioni con il dono della scrittura. E racconteranno soltanto ciò che conoscono, che hanno visto. L’attendibilità: sarà precisamente questa la forza della letteratura del futuro.
Ma si tratta forse di considerazioni fuori luogo e qui la cosa più importante è sforzarsi di ricordare, di ricordare tutto ciò che riguarda Marusja Krjukova, la ragazza zoppa che aveva cercato di avvelenarsi con il veronal; aveva messo da parte un certo numero di minuscole compresse ovoidali, lucide e gialle, e le aveva trangugiate.

[Varlam Salamov, I racconti di Kolyma, Einaudi 1999]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...