Come minimo adesso mi sento

Dai Quaderni Diari di Pieve Santo Stefano.
1974-76
Come minimo adesso mi sento:
un rudere, un rottame, un relitto, un ramo
secco, un rotolo di carta igienica, un rene
bollito, una camera d’aria scoppia, una ruota
sgonfia, una ramazza in un angolo, una rapa,
un ruminante sdentato, una penna stilografica
senza inchiostro, un rospo smeraldino…
5 settembre naintinseventifaiv.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...