Intrinseca bellezza

Ma Gor’kij non se ne cura. Come “geoottimista” (uno dei soprannomi di cui andava fiero) si attende ogni bene dal rimodellamento della superficie terrestre. Dona all’Unione Sovietica una letteratura appropriata, che regola i conti con gli sperimentalismi degli anni venti. La forma è sostituita dal contenuto, i libri che vedono la luce sotto la sua supervisione hanno soggetti concreti (“stanno con le gambe ben piantate nella realtà materialistica”). Parlano di una società in transizione e sono caratterizzati da un linguaggio diretto, Basta guardare i numerosi punti esclamativi. Il punto esclamativo sta vivendo un’ascesa irresistibile. La lingua russa ha ricevuto una frustata sotto la regia di Gor’kij, l’estetica proletaria è l’estetica della costruzione e della produzione. La costruzione e il processo produttivo hanno una bellezza intrinseca. Una diga di sbarramento alta quaranta metri su un fiume non è forse bella da togliere il respiro?

[Frank Westerman, Ingegneri di anime, Feltrinelli 1996]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...