Compagno di classe

Mi ricordo Zucca Lelio,
in quinta elementare:
mani affusolate,
capelli neri e folti,
scatti di rabbia a volte.
Più bravo (e più solo) di noi tutti,
ti prendevamo in giro
e non sapevi giocare a “figurine”.
Davvero vedesti un muratore
cadere da un’impalcatura?

[Alessandro Trasciatti, Scampoli, Oèdipus edizioni, 2017]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...