E’ stunèd

Me sin da burdèll
«sta zètt, t’ci stunèd
t’a n’é l’urècia»
e lòu intènt i cantéva,
i cantéva tòtt cumè calandri.
Adès ch’a m sò fat vèc,
ch’u n m’arimpòrta
a chènt e a chènt
zo par la strèda.
«Sa chèntal che pataca ch’u n sa fè?»
E i n’e’ sa che drèinta a sò un viuléin.

* * *

LO STONATO

Da quando ero bambino
«Sta zitto, non cantare,
sei stonato».
E loro cantavano, cantavano
felici come le calandre.
Adesso che sono vecchio
che d’altri non m’importa
canto anch’io a gran voce
per la strada.
«Cosa canta quel fesso che è stonato?»
E non sanno che dentro di me sono un violino.

[Nino Pedretti, Al Vòuṣi, Einaudi 2007]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...