Laggiù

l'impero dei segni roland barthesQuando immagino un popolo fittizio, posso attribuirgli un nome inventato, trattarlo dichiaratamente come un oggetto romanzesco, fondare una nuova Garabagne, in modo da non compromettere alcun paese reale nella mia fantasia (ma allora è questa stessa fantasia ch’io comprometto, nei segni della letteratura). Posso anche, senza pretendere assolutamente di rappresentare o analizzare la minima realtà (sono questi i fondamenti principali del discorso occidentale), prelevare in qualche parte del mondo (laggiù) un certo numero di tratti e formare deliberatamente un sistema. Ed è appunto questo sistema che io chiamerò il Giappone.

[Roland Barthes, L’impero dei segni, Einaudi 2002]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...