Innamoramenti fanatici e impossibili

A Pietrogrado, negli anni della guerra civile, sembra che gli uomini fossero per lo più impotenti e alle donne non venissero più le mestruazioni, a causa delle temperature troppo basse e della carenza di grassi e vitamine nell’alimentazione. Tuttavia gli amori scoppiavano come incendi e rotolavano giù lungo il fianco delle colline, con un bagliore fosforico da fuochi fatui, cioè come corpi che bruciavano a freddo e non scaldavo l’aria, si limitavano a consumarla, e a consumarsi. I poeti si innamoravano delle poetesse, i registi delle attrici e i coreografi delle ballerine. Perché in quegli anni inverosimili erano in piena attività tanto il teatro che il balletto. I poeti e le poetesse erano i più pericolosi, perché i loro innamoramenti fanatici e impossibili erano parte integrante del costume di scena da poeta.

[Giovanni Maccari, Vita di Lidia Sobakevic, Pendragon 2015]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...