Luogo maledetto

CITAZIONI

A me il lavoro non fa paura. Più di qui non si lavorerà nemmeno all’inferno. Avrò un padrone anche là, ma almeno non sarà mio padre. Di lui ora mi sono stufato. Non ne posso più. Sentite questa. L’altro giorno, stavamo a spaccare legna. Per aver perso la lima con cui si affilava la scure, la roncola e la sega, mi ha rincorso per tutta la valle con la mazza che si trovava tra le mani mentre dava sui cunei. E come se lo avessi rovinato e gli avessi buttato giù la casa, urlò come una bufera: “Vattene da qui per lavorare disattentamente, di malavoglia: per non guadagnarti nemmeno l’acqua che ti tracanni. Fannullone.” Per fortuna che io correvo più di lui… Vi giuro che se riesco a mettere piede fuori, non ci ritornerò più in questo luogo maledetto. Si vede che il Creatore quando ha fatto il mondo avrà chiesto aiuto al diavolo e gli avrà detto di fare la Sardegna. Tutto pietre e fuoco: bestemmie e gente arrabbiata dilaniandosi la loro misera esistenza come cani idrofobi. Nemmeno da morto voglio esserci.

[Gavino Ledda, Padre padrone, Feltrinelli 1977]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...