Il flauto era proibito

CITAZIONI

«Devo proprio andare» disse. «Posso esserle utile in qualcosa?» chiese pieno di speranza.
«No. Solo per chiacchierare.»
«Porterò i suoi saluti alla mensa.»
«Grazie per tutti questi bei regali.»
«Niente.»
«Ritorni a trovarmi.»
«Sì. Arrivederci.» Mi batté sulla mano.
«Ciao» dissi in dialetto.
«Ciao» ripeté.
Era buio nella stanza e l’attendente che era rimasto seduto ai piedi del letto si alzò e uscì con lui. Gli volevo molto bene e speravo che una volta o l’altra potesse ritornare negli Abruzzi. Faceva una porcheria di vita alla mensa e la sopportava bene, ma pensavo a come sarebbe stato al suo paese. A Capracotta, mi aveva detto, c’erano le trote nel torrente sotto la città. Era proibito suonare il flauto la notte. Quando i giovanotti facevano le serenate, soltanto il flauto era proibito. Perché, avevo chiesto. Perché alle ragazze non faceva bene udire il flauto di notte.

[Ernest Hemingway, Addio alle armi, Mondadori 2007]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...