Un perdurante presente

Un romanzo da leggere con molta attenzione. Nonostante la grande facilità di scrittura, Riccardo Carnielli riempe di concetti e immagini densissime l’intero romanzo, e ciò richiede uno sforzo da parte del lettore. L’attenzione però rimane sempre alta. Alcune descrizioni sono quasi cinematografiche e in ognuna di esse si può rintracciare il filo del discorso che, alla fine, spiega tutta l’opera. E però la lascia anche in sospeso, verso nuovi sviluppi che l’autore – forse volontariamente – tiene aperti.
Un perdurante presente, sulla scia della citazione junghiana iniziale. Un presente come quello che tutti noi rincorriamo, senza sapere se avremo successo. Dopotutto “Charlie realizzava che il sole, ormai al sicuro nel suo tramonto, non si sarebbe mai fatto raggiungere da nessuno”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...