Zì Nocchio

MOLISE

SOPRANNOMI

A un certo punto della sua vita, zì Roberto, il fratello di mio padre, ebbe la svolta mistica. Ci parlava continuamente di Dio e di religione e certe volte citava alcuni passi del Vangelo, anche se solitamente non ricordava quale dei Vangeli stava citando. La domenica, se veniva a pranzo, arrivava sempre in ritardo perché si tratteneva in chiesa per un supplemento di preghiera, che recitava in ginocchio nei primissimi banchi a ridosso dell’altare. In famiglia cominciammo a chiamarlo Zì Nocchio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...