Ode a un’orchidea, recisa

Odio il dolore,

quel matricida della coscienza

che pensa di farne senza,

compensando con l’amore.

Ma la vita non è cuore,

è consapevolezza:

anche chi la disprezza

verrà travolto dal suo furore.

Nella coscienza repressa

ristagnerà il dolore;

si eleverà con essa,

capendo la ragione

del gambo reciso di un fiore

o della carne offesa di un lavoratore.

[Roma, giugno 2021]

Claudio Cozza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...