Emanazione

Due volte ho già proposto in sede di Sottocommissione e di Commissione che l’articolo primo fosse modificato, laddove si dice che la sovranità emana dal popolo. Anche l’onorevole Conti una sera disse che gli sapeva di profumo questa emanazione di sovranità. A me sa anche di qualche altra cosa. Io temo questa sovranità che emana. Emanare ha un senso di moto; poi l’emanazione non torna più indietro, e sappiamo dove si va a finire con queste sovranità delegate. […]
Diciamolo chiaramente che la sovranità risiede nel popolo

[Intervento di Lucifero D’Aprigliano all’Assemblea Costituente, 4 marzo 1947 – Tratto da Il Manifesto del 22 aprile 2011]

2 commenti

  1. Mauro

    Ma il fatto è che le considerazioni di Lucifero D’Aprigliano – e già il nome è tutto un programma (se poi si pensa che era anche monarchico…) – le sue considerazioni, dicevo, mi inducono a riflettere sul termine “emanazione”, presentato in una luce abbastanza nuova.
    Certo, in ambito giuridico “emanazione” è un termine molto diffuso: una legge, per dire, si emana. E una carta costituzionale, anche quella si emana. Ma la sovranità… si emana la sovranità?
    Si può discutere se essa risieda o meno nel popolo e se spetti al popolo – in virtù di questa sovranità – delegare (e in che modo) l’esercizio di una potere (legiferativo?) ai propri rappresentanti.
    Se è vero che il concetto di emanazione presuppone l’esistenza della cosa che emana, non necessariamente implica un rapporto “creativo” discendente (in virtù del quale il popolo produce la sovranità che poi decide di emanare).
    Insomma, dietro la scelta del termine “emanare” – in un senso o nell’altro – c’è una volontà abbastanza precisa, che forse è proprio quella ipotizzata nel commento di Aldo (al di là che lo si condivida o meno). E se così è, non posso fare a meno di pensare che, almeno in quel contesto, l’emanazione assume forme ambigue, e davvero richiama alla mente profumi, sostanza impalpabili, movimenti eterei che vaporizzano perfino l’ingombrante mole della sovranità.

    "Mi piace"

  2. mario

    Emana, ha ragione Mauro, come termine giuridico significa tutt’altra cosa. Ma in una Carta Costituzionale, tanto più nei primissimi articoli, quelli “politico-programmatici” o di principio, i termini non vanno assunti tanto nel significato puramente giuridico ma per la loro capacità di fare riferimento a dati metagiuridici che del diritto costituiscono il presupposto. Ciò non vuol dire che debbano essere “oscuri” e nebulosi, come preferiva un famoso despota, ma che inevitabilmente siano giuridicamente poco precisi. Comunque sono importanti perchè fanno capire quale era la convizione dei Costituenti, ma non è detto che essa fosse del tutto chiara e univoca. Nel nostro caso, si sa, è stata frutto di un compromesso non solo tra forze politiche, ma anche tra posizioni filosofico-giuridiche.
    In quel contesto, una disputa simile, a me fa venire in mente i concili ecclesiastici e quella storia dello spirito santo che procede dal padre e dal figlio, il quale a sua volta è generato non creato nella stessa sostanza del padre. Insomma, una disputa tra teologi, ma che aveva precise ricadute politiche. Personalmente non solo “emana” mi pare ancora peggio di “appartiene”, ma non mi convince neanche il concetto stesso di popolo (nonchè quello di sovranità). Popolo non significa niente per un giurista (e qualche nostro amico si ricorderà che anche alcuni marxisti tipo Bordiga si scagliavano contro questo termine, quanto mai “populistico” e retorico). Caso mai si sarebbe dovuto usare “cittadini”, ma sarebbe stato limitativo. Solo che “cittadini” compare un paio di articoli più avanti.
    Trovo comunque un positivo segno dei tempi che ci interroghiamo su queste cose. Specie in questi tempi di rigurgiti neo-giusnaturalisti, l’attenzione alle parole e ai fondamenti metagiuridici del diritto fa bene alla salute.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...